Dimissioni Annicchiarico, non basta esprimere stupore: Muzzarelli da presidente Ctss spieghi le reali motivazioni

“Questa mattina, dopo 4 anni alla guida dell’Ausl di Modena, il direttore generale Massimo Annicchiarico ha annunciato improvvisamente le sue dimissioni. Una decisione arrivata in una riunione di routine della Conferenza territoriale sociale e sanitaria e che nessuno si aspettava”. Queste le parole della candidato sindaco di Modena Ora Cinzia Franchini.

“I sindaci stessi hanno espresso sconcerto e addirittura i due presidenti della Ctss Bellelli e Muzzarelli si sono detti stupiti – continua Cinzia Franchini -. Io credo che non sia sufficiente limitarsi allo stupore, ma che in primis Muzzarelli nelle sue vesti di presidente si faccia portavoce dei cittadini per capire le reali motivazioni di questo improvviso addio. Nel merito, al di là delle polemiche e dei gossip, alcuni non verificati, sulla figura del dg, sull’operato quadriennale di Annicchiarico pesa soprattutto il non avere combattuto a sufficienza contro la decisione della regione Emilia Romagna di chiudere il punto nascite dell’ospedale di Pavullo. Una decisione sbagliata non solo per l’Appennino, ma per tutta le rete ospedaliera modenese. Al di là di questo, ripeto, i cittadini meritano di conoscere i motivi che hanno portato il direttore Ausl a lasciare un incarico centrale per la vita della comunità e per la salute di tutti”.